Storia del limbo

Storia del limbo

Storia del limbo

18 aprile 2017 0 comments

La storia del Limbo si è conclusa il 19 gennaio 2007. Quel giorno, durante un’udienza in Vaticano, papa Benedetto xvi diede il suo consenso alla pubblicazione di un lungo rapporto che invitava i fedeli a lasciar cadere lipotesi Limbo. La notizia della fine del Limbo ebbe una certa risonanza su tutti i giornali italiani e stranieri; più difficile era spiegare quando questa storia fosse cominciata, come mai fosse durata tanto e cosa fosse, in definitiva, questo Limbo che, come allora si disse, era stato abolito.

Se Jacques Le Goff aveva messo a punto, in un capolavoro della storiografia contemporanea, la Storia del Purgatorio, sul Limbo mancava una ricerca completa e autorevole. Chiara Franceschini ha condotto questa ricerca e può ora offrire al pubblico e agli studiosi la parabola completa di unipotesi teo­logica che fu unidea culturale diffusa e importante, che rispondeva a problemi antropologici e sociali ben definiti, che fu rappresentata e narrata in immagini, scritti, poesie e leggi e che durò più di un millennio, prima di venire scartata.

Da santAgostino a Dante, da Mantegna a Michelangelo, da Lutero al cardinale Borromeo, con grande attenzione non solo alla cultura alta e alla teologia ufficiale, ma anche alle pratiche concrete e dal basso (come al diffuso miracolo della risurrezione temporanea dei feti per poterli battezzare e seppellire in terreno consacrato), Franceschini riconduce laffascinante storia del Limbo nellOccidente cristiano al grande mutamento culturale da un modello di aldilà di tipo imperiale a uno di tipo penitenziale che generò anche il Purgatorio, incrociato con una millenaria paura quella dei morti non pacificati, non ritualmente seppelliti e senza nome di cui si trovano ampie tracce nella storia delle credenze religiose europee e nel bacino mediterraneo fin dall’antichità.


Acquista il libro su:

acquista su libreriadelsanto

No Comments so far

Jump into a conversation

No Comments Yet!

You can be the one to start a conversation.

Your data will be safe!Your e-mail address will not be published. Also other data will not be shared with third person.